Articoli marcati con tag ‘mandorle’

Cantucci Toscani

Qualche giorno addietro, gironzolando tra blog che suguo, ho trovato la ricetta dei cantucci toscani. Sembrava una ricetta facile facile e così l’ho fatta una prima volta. Molto buoni questi  cantucci, sono spariti alla velocità, però mi sembrava mancasse qualcosa di caratterizzante, qualcosa che li rendesse più gustosi. Detto fatto e rispetto alla ricetta del blog di ELENA ho aggiunto scorzette di mandarino e vaniglia. Non contento su un terzo circa ho aggiunto gocce di cioccolato fondente.
Questi biscotti si possono conservare a lungo in una scatola a chiusura ermetica.
Bando alle ciance ed ecco la ricetta

Ingredienti (per circa 40 cantucci):
350gr di farina 00
120gr mandorle sgusciate
160gr zucchero
2 uova medie
1 pizzico di sale
5gr di lievito in polvere
bacca di vaniglia
1 mandarino biologico

Prima di tutto scaldiamo il forno a 180° e una volta pronto facciamo tostare le mandorle per 10 minuti, una volta fatto questo tiratele fuori e lasciatele raffreddare bene.
Mentre si raffreddano pesiamo 300grammi farina che andiamo a mescolare al lievito assieme al pizzico di sale.
Proseguiamo sbattendo le uova e lo zucchero fino ad avere un bel composto liscio ed omogeneo, aggiungiamo adesso la polpa di mezzo baccello di vaniglia e la scorza grattugiata di mezzo mandarino che avremo lavato e asciugato per bene.
Poca alla volta adesso aggiungiamo la farina, cambiando le fruste e mettendo i ganci perchè l’impasto si indurirà.  Aggiunta tutta la farina trasferiamo l’impasto su una tavola di legno infarinata e impastiamo con le mani. Ho calcolato che per finire di impastare senza far attaccare l’impasto alla tavola ho usato poco meno di 50gr di farina aggiunta poca alla volta.

Terminato di impastare formiamo 3 palline che poi andremo a schiacciare fino a farli diventare dischi. In ognuno dei 3 dischi andrà   posizionato circa 1/3 delle mandorle tostate e freddate.  Chiudiamo di nuovo i dischi e impastiamo ancora un paio di minuti per distribuire le mandorle in maniera ottimale.

Con ogni pallina di impasto andiamo a creare dei filoncini appiattiti alti circa 2cm non importa che siano di forma regolare.
Ora mettiamo i filoncini sulla placca da forno e infornate a 180° per 20 miuti. Trascorso questo tempo tiriamo fuori la placca e tagliamo i cantucci effettuando dei tagli diagonali di circa 2cm. Dopo aver tagliato tutti e tre i filoncini disponiamo di nuovo i cantucci sulla teglia disponendoli però su un fianco. Rimettiamo in forno sempre a 180° e lasciamo 5-6 minuti dopo di che li giriamo tutti e li rimettiamo in forno per altri 5-6 minuti.
In questo modo li faremo colorire su tutti e due i lati.

Ora non ci resta che lasciarli freddare e poi mangiarli tutti, se c’è il vin santo poi… E’ uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo :-)

Cantucci Toscani

Cantucci Toscani

Fagottino di fesa di tacchino e insalata con edamer, mandorle e arrosto alla brace

Per questa ricetta mi sono divertito anche a calcore sommariamente le calorie per porzione, può sempre far comodo.  In questo caso, compreso il contorno consigliato alla fine dovremmo aggirarci sulle 500 a porzione.

Ingredienti per 4 persone
4 fette di fesa di tacchino (circa 150gr ciascuna)
8 foglie d’insalata
4 fette di edamer
10gr mandorle tritate
4 fette di arrosto alla brace
sale, pepe

Qualche nota sugli ingredienti.
Partiamo con l’insalata: potete scegliere quella che volete ma vi consiglio un’insalata che non abbia una costa centrale molto spessa perchè resterà più dura nella cottura, perchè è la parte meno digeribile e perchè essendo troppo dura vi creerà qualche problema nella preparazione al momento di chiudere i fagottini. Il numero delle foglie è indicativo, l’importante è che l’insalata che andrete a scegliere riesca a coprire per intero la carne, potete utilizzarne di più se le foglie sono troppo piccole.
L’arrosto alla brace non deve essere troppo magro, difatti potrebbe essere sostituito con della pancetta non affumicata o con del lardo tagliato molto sottile a discapitò però della pesantezza e delle calorie.
Il formaggio edamer si trova comodamente già affettato, volendo potete sostituirlo con altro formaggio, facendo attenzione però che questo non vada a sovrastare gli altri sapori.

Veniamo alla ricetta.
Lavate l’insalata delicatamente e altrettanto delicatamente asciugatela con della carta da cucina e con un panno sensa schiacciarla troppo per non romperle. Disponete ora le foglie in modo che possiate poi adagiarvi sopra la fesa di tacchino. Battete le fette di fesa di tacchino con un batticarne se sono troppo spesse e adagiate  le fette sull’insalata. Salate e pepate e poi disponete sopra la fetta di formaggio in modo che ricopra quasi tutta la fesa. Potete tagliare la fetta di formaggio per disporla meglio sulla carne. Aggiungete le mandorle tritate e richiudete piegando gli estremi verso l’interno e facendo in modo di sovrapporre i lembi. In questo modo l’insalata di una delle due parti risulterà all’interno della piegatura e questo aiuterà a non far asgiugare la carne. Ora prendete la fetta di arrosto o di pancetta o di lardo, in base alla vostra preferenza, ed utilizzatela per chiudere il fagottino.
Preparate una teglia da forno, foderatela con carta forno e distribuite un filo d’olio sulla superficie, disponete sulla teglia i fagottini facendo in modo che la piegatura sia rivolta verso il basso.
Ora cuocete in forno preriscaldato a 190° per circa 20 minuti (il mio forno fa cilecca ultimamente quindi spero di aver dato le giuste indicazioni).

Nella foto ho accompagnato questo piatto con dei carciobi lessati in acqua acidulata e conditi con una citronette preparata con olio, limone e menta fresca.

Buon appetito a voi!
Fagottini

Spaghetti carote, alici, olive nere e mandorle



Ingredienti (per 4 persone):

Spaghetti gr 320
Carote 600gr
Alici sott’olio  2-3 filetti
Olive nere
Mandorle
Vino bianco

Sbucciate le carote e poi passatele in un mixer fino a renderle quasi poltiglia. Nel frattempo in un tegame fate scaldare dell’olio e poi quando l’olio sarà caldo aggiungere i filetti di acciughe sott’olio e con un cucchiaio di legno far sciogliere i filetti. Aggiungere ora le carote e far cuocere 2-3  minuti. Sfumare con del vino bianco e poi aggiungere anche le olive nere e far cuocere fino a che le carote saranno diventate tenere.  Nel frattempo in una padellina fate tostare a fuoco basso una manciata di  mandorle tritate non troppo finemente.
Scolate la pasta al dente e poi saltatela in padella assieme al condimente. Impiattate e prima di servire cospargete con le mandorle tritate e tostate.

Buon Appetito